La Lingua o i Pirli?

Non pensate male o almeno non pensate alla lingua come altro mezzo se non quello della comunicazione. Lo so che poi questa storia arriva dopo quella del premio Rolling Stones e qualcuno ne ha fatto subito un nesso, ma purtroppo nemmeno questo è l’argomento di base.

Il tema qua è la lingua intesa come mezzo di comunicazione.

Wikipedia alla voce “Lingua” riporta: “La lingua è il sistema o forma storicamente determinata attraverso il quale gli appartenenti a una comunità si esprimono e comunicano tra loro attraverso l’uso di un determinato linguaggio ovvero un insieme di segni scritti (simboli) e/o parlati (suoni).”

In sostanza è un mezzo per farsi capire dagli altri che solitamente ascoltano. Lo so, ho usato la parola solitamente e nella Spaca di solitamente c’è: Casino, Ritardo, Confusione e Dag a doss.

Nel 1988 la Guggen porta a casa ancora un altro premio e questa volta a mettersi sul podio è il primo Presidente della storia, Bruno Müller, che con i suoi discorsi riusciva a farsi capire e a mantenere l’ambiente serio ed elegante.

Ma veniamo ai fatti che hanno portato a questo ennesimo premio speciale. Bruno Müller faceva discorsi di una certa importanza che iniziavano così “Amici Spaca, oggi siamo arrivati uno….” e tra i sorrisini e le ghignate trattenute concludeva “e adesso non fate i pirli”. Grandi risate e Dag a doss, mi sa che con questo sono un po’ troppo in avanti? Va beh grandi risate e basta.

Insomma, nei primi anni della Spaca non ci è dato sapere se sono arrivati mai primi o secondi…  Aspetta… rifaccio: Non è dato sapere se siano mai arrivati uno, due o quattro ma la comunicazione passava ed ancora oggi continuano a fare i pirli, ma soprattutto come allora non sono importanti i premi o le posizioni, ma Dag a doss.